fbpx

PARTNER UFFICIALE DEL CICLISMO DAL 1996

Le nostre certificazioni

Il carbonio può cedere, ecco perchè

Telai che si rompono improvvisamente dal nulla, senza impatti o cadute. Bici con pochissimi chilometri che cedono senza perché.

Eppure il motivo – o meglio, i motivi – ci sono, anche se non sempre sono evidenti.

La memoria delle fibre di carbonio

I tubi in carbonio che costituiscono un telaio sono fatti di più strati. Questo può creare una discrepanza fra strati superficiali e strati interni.

Se da un lato la casistica di eventuali errori di fabbricazione delle parti più interne delle fibre è veramente molto bassa, visto i numerosi controlli che mediamente vengono fatti al giorno d’oggi con telecamere e altri sistemi di visualizzazione, dall’altro può succedere che un impatto avvenuto in passato abbia lesionato le parti più interne del carbonio lasciando intatte quelle più esterne – e quindi con una estetica senza problemi.

Per impatto intendiamo non solo un incidente contro un altro mezzo, ma anche una caduta o addirittura una buca piuttosto profonda.

Non possiamo sapere con certezza cosa scatena la rottura.

I telai che una volta tagliati e aperti dimostrano, a volte, di essere uniti solamente da un piccolissimo fascio di fibre, nonostante esternamente non mostrassero nulla di anomalo.

Quindi se pensate cha la vostra bici abbia subito un trauma, meglio farla controllare e verificare da un costruttore di telai.

La misura sbagliata

Purtroppo dobbiamo ancora una volta constatare come molta gente, documentandosi in modo improprio e non affidandosi a persone esperte, ancora oggi acquisti biciclette di taglie palesemente inferiori alla propria.

Nonostante il potere di informazione di internet, questo problema non accenna in alcun modo a diminuire, anzi potremmo dire che è anche aumentato.

Parigi Roubaix 2013

E così vediamo diverse rotture al tubo verticale causate da un tubo sella eccessivamente fuori dal telaio.

Ma non basta: il cattivo bilanciamento dei pesi causato da una misura errata fa sì che la rottura avvenga apparentemente senza preavviso, come un fulmine a ciel sereno, a centro telaio, al tubo obliquo o al tubo orizzontale.

In realtà il motivo è appunto la distribuzione delle masse che creano sforzi eccessivi concentrati in pochi punti.

Eccessiva leggerezza

Siamo realisti: è chiaro che una bici più leggera è più performante, ma è altrettanto chiaro che il peso è dato dalla somma di bici più ciclista.

Se il ciclista non è leggero, non possiamo pensare che una bici leggera come una piuma possa reggere una massa consistente.

Ci vuole proporzione, ci vuole buon senso, ci vuole realismo.

Stesso discorso per persone molto alte. Tubo più lungo = più leva, maggiore sollecitazione.

Per una persona sopra al metro e novanta dovremmo prendere in considerazione un telaio leggermente più pesante ma più robusto.

Stato di utilizzo

Un fatto fondamentale della durata della vita di un telaio è chi e come lo utilizza.

L’Under 23 che percorre 35.000 km annui, cambia ogni stagione 3 selle, 3 catene e pacchi pignoni, porta a fine anno un telaio che sebbene valido avrà subito delle snervature.

Non è solo una questione di chilometri ma anche di potenza: il “ciclista della domenica” che sviluppa saltuariamente 280 watt di potenza in una salita di 15 minuti di percorrenza, non è da paragonare all’agonista che sviluppa magari 350 watt per tratti di 20 minuti ripetuti 3 o 4 volte in una sola uscita in bici.

È come prendere un telaio di un’auto e montarci un motore da 70 Kw o un motore da 200 Kw. Le sollecitazioni saranno ben differenti, e a lungo andare presenteranno il conto.

Qualità del carbonio

Non ci stuferemo mai di dire che la lavorazione del carbonio fatta in Italia mantiene standard di qualità elevatissimi.

La fibra di carbonio può avere molti intrecci, e a seconda di questi e della lavorazione si possono ottenere a parità di peso caratteristiche di resistenza e di torsione ben differenti.

Fra i telai di molti brand, succede spesso di riscontrare la rottura di uno dei foderi posteriori.

È un punto dove i tubi sono veramente piccoli ma sollecitati perché sono a reggere la torsione della ruota posteriore.

In questo punto specifico la qualità della fibra è fondamentale, perché non c’è la dimensione del tubo per compensare una carenza della struttura.

I nostri corsi sul tema:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media

Altri articoli

tall boy

La nuova Santa Cruz Tallboy 2020

La nuova Tallboy da 120mm dimostra perfettamente quello che le biciclette short-travel sono in grado di fare. Il nuovo ammortizzatore: 10mm che contano Con l’ammortizzatore

Altri articoli

Calendario degli appuntamenti 2020

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

Master Workshop sulla costruzione ruote e scelta accessori
10 Dicembre 2022 – Milano (Sede Accademia)
Info e iscrizioni

Master Workshop su forcelle, ammortizzatori e reggisella telescopici
11 Dicembre 2022 – Milano (Sede Accademia)
Info e iscrizioni

E-Bike: corso di specializzazione sull’utilizzo e la manutenzione
12 Dicembre 2022 – Milano (Sede Accademia)
Info e iscrizioni

Fondare e gestire una ciclofficina
13 Dicembre 2022 – Milano (Sede Accademia)
Info e iscrizioni

Corso Base in meccanica, tecnica e manutenzione
17 Dicembre 2022 – Milano (Sede Accademia)
Info e iscrizioni

Corso Avanzato in meccanica, tecnica e manutenzione
18 Dicembre 2022 – Milano (Sede Accademia)
Info e iscrizioni

One to One – Corsi individuali personalizzati sulla tecnica e la manutenzione della bici
Milano (Sede Accademia)
9 Gennaio 2023
11 Gennaio 2023
13 Gennaio 2023
16 Gennaio 2023
18 Gennaio 2023
20 Gennaio 2023
23 Gennaio 2023
25 Gennaio 2023
27 Gennaio 2023
30 Gennaio 2023
Info e iscrizioni ai Corsi One to One

Corso Nazionale per Guide di Mountain Bike
14/15 e 21/22 Gennaio 2023 – Abbiategrasso (MI)
Info e iscrizioni

Master Workshop sulla costruzione ruote e scelta accessori
28 Gennaio 2023 – Milano (Sede Accademia)
Info e iscrizioni

Master Workshop su forcelle, ammortizzatori e reggisella telescopici
29 Gennaio 2023 – Milano (Sede Accademia)
Info e iscrizioni

One to One – Corsi individuali personalizzati sulla tecnica e la manutenzione della bici
Milano (Sede Accademia)
1 Febbraio 2023
3 Febbraio 2023
7 Febbraio 2023
8 Febbraio 2023
10 Febbraio 2023
22 Febbraio 2023
24 Febbraio 2023
27 Febbraio 2023
Info e iscrizioni ai Corsi One to One

Corso Base in meccanica, tecnica e manutenzione
4 Febbraio 2023 – Milano (Sede Accademia)
Info e iscrizioni

Corso Avanzato in meccanica, tecnica e manutenzione
5 Febbraio 2023 – Milano (Sede Accademia)
Info e iscrizioni

Corso Nazionale per Guide di Mountain Bike
16/19 Febbraio 2023 – Finale Ligure (SV)
Info e iscrizioni

One to One – Corsi individuali personalizzati sulla tecnica e la manutenzione della bici
Milano (Sede Accademia)
8 Marzo 2023
15 Marzo 2023
17 Marzo 2023
29 Marzo 2023
31 Marzo 2023
Info e iscrizioni ai Corsi One to One

Corso Nazionale per Guide di Mountain Bike
2/5 Marzo 2023 – Como (CO)
Info e iscrizioni

Masterclass in meccanica e manutenzione base e avanzata della bike
11/12 Marzo 2023 – Roma
Info e iscrizioni

E-Bike Tour Leader
17/19 Marzo 2023 – Sestri Levante (GE)
Info e iscrizioni

Corso Nazionale per Guide di Mountain Bike
23/26 Marzo 2023 – San Vincenzo (LI) – Costa degli Etruschi
Info e iscrizioni

Workshop avanzato sulla progettazione e costruzione dei telai
12/13/14 Aprile 2023 – Milano (Sede Accademia)
Info e iscrizioni

Gravity Tour Leader
21/23 Aprile 2023 – Rive Rosse (BI)
Info e iscrizioni

Corso Nazionale per Guide di Mountain Bike
27/30 Aprile 2023 – Reggio Emilia (RE)
Info e iscrizioni

E-Bike Tour Leader
19/21 Maggio 2023 – Desenzano (BS)
Info e iscrizioni

Corso Nazionale per Guide di Mountain Bike
25/28 Maggio 2023 – Folgaria (TN)
Info e iscrizioni

Gravity Tour Leader
26/28 Maggio 2023 – Folgaria (TN)
Info e iscrizioni

In preparazione…

In preparazione…

In preparazione…

In preparazione…

In preparazione…

In preparazione…

In preparazione…