fbpx

PARTNER UFFICIALE DEL CICLISMO DAL 1996

Le nostre certificazioni

La frattura della clavicola nel ciclismo

La frattura della clavicola è uno dei traumi più comuni tra gli sportivi. Rappresenta negli adulti il 3% di tutti i traumi, una percentuale molto alta e che coinvolge tutti gli sport, soprattutto il ciclismo.

La percentuale che coinvolge i ciclisti è addirittura più alta del 3%. Rappresenta infatti la frattura di gran lunga la frattura più frequente. Più spesso è interessato il terzo medio, seguito dall’estremo laterale e poi dall’estremo mediale. Il 25% delle fratture della clavicola sono da attribuire alle forze muscolari che tendono a scomporle. 

Quali sono le forze che entrano in gioco?

  • forze inferiori sull’estremo laterale della clavicola;
  • forze antero-superiori sull’estremo mediale.

Il trattamento conservativo nelle fratture scomposte porta ad un alto tasso di mancata consolidazione (22-50%), delle quali il 14% rimangono dolorose.

“Il trattamento conservativo è inteso come il trattamento che non ricorre alla chirurgia. In molti casi risulta essere il trattamento migliore perché non prevede le eventuali complicazioni che derivano dall’intervento chirurgico.”

Il trauma alla clavicola può essere:

  • diretto sulla clavicola stessa;
  • indiretto per trauma sull’arto superiore a seguito della protezione della caduta.

Un esempio molto noto di questo tipo di frattura è quella occorsa durante la gara individuale del Mondiale su strada 2016 al nostro Vincenzo Nibali.

Come si presenta la frattura della clavicola

L’esame clinico è molto chiaro. La frattura alla clavicola si presenta con una deformità del profilo anatomico della clavicola stessa, con ematoma locale e “segno del pianoforte” positivo, cioè schiacciando uno dei due monconi di frattura si vede il frammento andare “su e giù” come fosse un tasto di pianoforte.

La frattura può essere esposta, cioè con uno o entrambi i monconi di frattura che “bucano” la pelle e fuoriescono fino a diventare visibili. In questo caso la frattura è a più alto tasso di complicanze, tra cui la possibilità di infezione. La frattura può essere composta, a minore tasso di complicanze e con i monconi che non risultano essere visibili.

L’esame clinico va confermato dalle immagini radiologiche, in cui è quasi sempre sufficiente un esame radiografico, raramente necessita di tomografia computerizzata con ricostruzioni tridimensionali.

Come trattare la frattura della clavicola?

Il trattamento può essere di tue tipi:

  1. Cruento: la frattura può essere operata e stabilizzata con diversi tipi di mezzi di sintesi, ovvero operazioni chirurgiche;
  2. Incruento: cioè stabilizzata dall’esterno con un tutore che solitamente è un tutore detto “ad otto”, che serve per trazionare e allineare i due monconi di frattura fino a consolidamento della stessa.

La scelta del trattamento dipende da una serie di fattori, tra cui:

  • età del paziente;
  • livello di attività del paziente;
  • tipo di frattura;
  • sede della frattura.

Le fratture scomposte pluriframmentarie sono quelle che quasi sempre necessitano di un intervento chirurgico. Le fratture invece che molto spesso presentano dei dubbi nella scelta del trattamento sono quelle più frequenti, cioè quelle a 2 frammenti, che interessano il terzo medio o il terzo laterale di clavicola, sostanzialmente composte o poco scomposte.

L’operazione chirurgica

Nel ciclista la frattura della clavicola necessita in molti casi di un trattamento chirurgico di riduzione e sintesi con placca e viti. L’operazione chirurgica è necessaria al fine di ottenere una stabilizzazione della frattura che consenta una ripresa della mobilità della spalla il più precoce possibile, così come la ripresa della regolare attività sportiva.

Esempi recenti hanno dimostrato come motociclisti molto noti, dopo la sintesi della frattura, con la dovuta terapia analgesica, sono saliti in moto ed hanno affrontato una gara il giorno seguente. La stessa cosa si è verificata in passato per ciclisti come Armstrong e Pozzato.

Prognosi e riabilitazione

La frattura della clavicola trattata in modo incruento, cioè senza intervento, può guarire in 6-8 settimane, mentre una frattura operata può essere considerata stabile subito dopo l’intervento, e in avanzata fase di guarigione in 3-4 settimane, quando inizia la formazione del vero callo osseo.

Dal punto di vista riabilitativo gli obiettivi da ottenere sono un recupero dell’articolarità della spalla e della forza. Una spalla immobilizzata per molto tempo può ridurre la sua mobilità, per cui si rischia di incorrere in una patologia molto difficile e lunga da trattare, che è la spalla rigida dolorosa. L’equipe medica e fisioterapica deve avere l’accortezza di riuscire a recuperare al più presto l’attività sportiva del paziente, limitando il rischio di scomposizione e di ritardo/mancata guarigione della frattura.

L’ intervento tempestivo in ambito riabilitativo, annulla il rischio di rigidità della spalla, mantiene il più possibile la forza della muscolatura periscapolare e la incrementa appena possibile. Inizialmente si effettuano delle mobilizzazioni passive, per poi passare alla riabilitazione attiva.

Successivamente si possono eseguire esercizi di rinforzo muscolare con elastici o apparecchiature dedicate, insieme ad esercizi propriocettivi.

Per il ciclista il ritorno in bici poco dopo un intervento chirurgico di osteosintesi di una frattura di clavicola con placca e viti, soprattutto nei periodi più importanti della stagione sportiva, è molto importante. Comunque il rientro precoce in sella non è scevro da pericoli, soprattutto per i rischi di una nuova caduta.

Iscriviti al nostro corso che si terrà a Milano il 20 marzo 2021: Pedalare bene! Corso di Biomeccanica Professionale.

Se desideri altre informazioni puoi inviare una e-mail a adriana.pirovano@scuoladimtb.eu oppure telefonare al numero 02/55211039 o inviare un fax al numero 02/55213793. Naturalmente puoi anche venirci a trovare in Sede dal Lunedì al Venerdì dalle ore 9,00 alle ore 18,00 concordando un incontro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media

Altri articoli

Blog Accademia Nazionale di Mountain Bike

Come pulire la Mountain Bike

Non è un lavoro da sottovalutare quello di tenere la bici pulita. Può fare una grande differenza perché la bici guadagna subito un paio di

Tour de France, impresa d’altri tempi

Dopo 3483 chilometri il Tour de France termina a Parigi con la classica passerella per velocisti che premia Sam Bennett, primo davanti a Pedersen e Sagan. Quinto Viviani, miglior azzurro al traguardo.

Il trasporto bici in aereo

La prima operazione da effettuare per un corretto trasporto bici in aereo, è quella di smontare la bici in maniera corretta. Se sapete quello che dovete

Altri articoli

Come conservare la e-Mtb in inverno

La manutenzione della e-Mtb in inverno è senza dubbio una procedura di fondamentale importanza per la longevità della nostra e-Mtb. Pioggia e freddo sono nemiche

Calendario degli appuntamenti 2020

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

Master Workshop sulla costruzione ruote e scelta accessori
10 Dicembre 2022 – Milano (Sede Accademia)
Info e iscrizioni

Master Workshop su forcelle, ammortizzatori e reggisella telescopici
11 Dicembre 2022 – Milano (Sede Accademia)
Info e iscrizioni

E-Bike: corso di specializzazione sull’utilizzo e la manutenzione
12 Dicembre 2022 – Milano (Sede Accademia)
Info e iscrizioni

Fondare e gestire una ciclofficina
13 Dicembre 2022 – Milano (Sede Accademia)
Info e iscrizioni

Corso Base in meccanica, tecnica e manutenzione
17 Dicembre 2022 – Milano (Sede Accademia)
Info e iscrizioni

Corso Avanzato in meccanica, tecnica e manutenzione
18 Dicembre 2022 – Milano (Sede Accademia)
Info e iscrizioni

One to One – Corsi individuali personalizzati sulla tecnica e la manutenzione della bici
Milano (Sede Accademia)
9 Gennaio 2023
11 Gennaio 2023
13 Gennaio 2023
16 Gennaio 2023
18 Gennaio 2023
20 Gennaio 2023
23 Gennaio 2023
25 Gennaio 2023
27 Gennaio 2023
30 Gennaio 2023
Info e iscrizioni ai Corsi One to One

Corso Nazionale per Guide di Mountain Bike
14/15 e 21/22 Gennaio 2023 – Abbiategrasso (MI)
Info e iscrizioni

One to One – Corsi individuali personalizzati sulla tecnica e la manutenzione della bici
Milano (Sede Accademia)
1 Febbraio 2023
3 Febbraio 2023
6 Febbraio 2023
8 Febbraio 2023
10 Febbraio 2023
22 Febbraio 2023
24 Febbraio 2023
27 Febbraio 2023
Info e iscrizioni ai Corsi One to One

Corso Nazionale per Guide di Mountain Bike
16/19 Febbraio 2023 – Finale Ligure (SV)
Info e iscrizioni

One to One – Corsi individuali personalizzati sulla tecnica e la manutenzione della bici
Milano (Sede Accademia)
8 Marzo 2023
15 Marzo 2023
17 Marzo 2023
29 Marzo 2023
31 Marzo 2023
Info e iscrizioni ai Corsi One to One

Corso Nazionale per Guide di Mountain Bike
2/5 Marzo 2023 – Como (CO)
Info e iscrizioni

Masterclass in meccanica e manutenzione base e avanzata della bike
11/12 Marzo 2023 – Roma
Info e iscrizioni

Corso Nazionale per Guide di Mountain Bike
23/26 Marzo 2023 – San Vincenzo (LI) – Costa degli Etruschi
Info e iscrizioni

Workshop avanzato sulla progettazione e costruzione dei telai
12/13/14 Aprile 2023 – Milano (Sede Accademia)
Info e iscrizioni

Corso Nazionale per Guide di Mountain Bike
27/30 Aprile 2023 – Reggio Emilia (RE)
Info e iscrizioni

Corso Nazionale per Guide di Mountain Bike
25/28 Maggio 2023 – Folgaria (TN)
Info e iscrizioni

Gravity Tour leader
26/27/28 Maggio 2023 – Folgaria (TN)
Info e iscrizioni

In preparazione…

In preparazione…

In preparazione…

In preparazione…

In preparazione…

In preparazione…

In preparazione…