fbpx

PARTNER UFFICIALE DEL CICLISMO DAL 1996

Tutto sul Bikepacking

Che differenza c’è tra bikepackong e cicloturismo?

Parlando in generale, il bikepacking e il cicloturismo riguardano entrambi dei lunghi viaggi in bici di più giorni. Nella maggior parte dei casi, il cicloturismo si svolge su strada, utilizzando un set più tradizionale di borse laterali e una sacca da manubrio, mentre per il bikepacking si percorrono sentieri single-track, ghiaia e strade sterrate. Il bikepacking ti permette di superare i limiti di una bici allestita per il cicloturismo tradizionale e ti consente quindi di spingerti oltre.

Sebbene il “bikepacking” sia spesso usato come termine generico per i tour su strada e fuoristrada, molte persone credono che sia esclusivamente per viaggi “fuoristrada”.

Bici, borse e copertoni

In sostanza, per il bikepacking, hai bisogno di una bici discreta e di borse. Ma non è così semplice. Iniziamo dando un’occhiata al tipo di bici che le persone usano tipicamente per il bikepacking.

Bici

Le persone viaggiano su tutti i tipi di biciclette, ma partendo dal presupposto che una bici da bikepacking dovrebbe essere in grado di gestire diversi tipi di terreno, alcune bici sono da escludere, come ad esempio le tradizionali biciclette da corsa e da cicloturismo su strada. Concentrandoci sulle biciclette in grado di gestire superfici più irregolari, non ci restano che le Mountain bike e le Bici Gravel.

Mountain bike

Molti puristi credono che il bikepacking significhi andare in Mountain bike. Anche se non condividiamo esattamente questa opinione, non possiamo negare che i copertoni per Mountain bike rendono più facile gestire i terreni accidentati.

Avere delle sospensioni rende accessibili i paesaggi più selvaggi, anche se comporta un evidente aumento di peso. Per questo motivo, molte persone considerano le Mountain bike non ammortizzate come le bici ideali per il bikepacking: vi si possono comunque montare copertoni grandi, ma sono più leggere e agili delle Mountain bike con sospensioni, oltre che molto più efficienti su strade asfaltate.

Bici Gravel

Per molti ciclisti, le Bici Gravel sono perfette per le avventure in bikepacking perché rappresentano il meglio di entrambi i mondi. La geometria presa dal ciclocross e dalle bici da corsa, ma adattata per lunghe giornate in sella, insieme allo spazio per copertoni che rivaleggia con le prime Mountain bike, le Bici Gravel sono versatili, abili su strada e fuoristrada e abbastanza robuste da gestire i rigori dei terreni più impegnativi.

Nessuna bici sarà perfetta al 100%, ma se il tragitto prevede un misto di asfalto, ghiaia e single-track facili, una Bici Gravel con copertoni grossi potrebbe essere la soluzione adatta.

Copertoni

È molto importante avere i copertoni adatti per il terreno su cui si pedala. Se hai intenzione di andare esclusivamente fuori strada e non prevedi alcun tipo di asfalto, un copertone da Mountain bike puro è il migliore. Considera attentamente la larghezza e le dimensioni massime di copertone che la tua bici può ospitare. Ricorda che i copertoni più larghi/grandi sono più pesanti e meno agili. Sul bagnato, è bene prediligere copertoni con un battistrada più profondo.

Se hai intenzione di andare sia su strada sia fuoristrada, un copertone da Mountain bike cross country più leggero o copertoni concepiti per il gravel sono entrambi buone opzioni: questi ultimi sono progettati per rotolare velocemente sulla strada, ma offrono anche aderenza e trazione sufficienti per le pedalate fuoristrada.

Borse

Maneggevolezza, durata e peso sono i tre fattori più importanti da considerare quando si scelgono le borse per il bikepacking. A differenza delle borse laterali utilizzate per il cicloturismo, le borse per il bikepacking tengono il peso più vicino alla bici, sfruttando lo spazio all’interno e attorno al telaio per trasportare oggetti. In questo modo, è possibile eliminare i pesanti portapacchi in metallo comunemente utilizzati per applicare le borse laterali.

Bikepacking Bags

Borse sottosella

Le borse sottosella vengono attaccate al reggisella e alle guide della sella, permettendo di trasportare oggetti in modo più aerodinamico e più vicino al baricentro della bici rispetto alle tradizionali borse posteriori. Sono disponibili in una varietà di formati e capacità, andando da circa 5 litri fino a circa 18 litri, per consentire a tutti i ciclisti di trovare la misura giusta per il tipo di viaggio che si desidera affrontare. Bisogna tenere presente che i modelli migliori hanno di solito un ”sistema di tensione” che impedisce alla borsa di muoversi troppo. Alcuni modelli sono completamente integrati, altri si fissano tramite un sistema a clip. Controlla inoltre se il modello che stai acquistando è impermeabile o semplicemente resistente all’acqua, in quanto il secondo richiederà di mettere gli oggetti in una “dry bag” per assicurarti che rimangano completamente asciutti.

Borse da telaio

Le borse da telaio sono anche molto popolari per il bikepacking perché permettono di utilizzare lo spazio all’interno del triangolo del telaio. Le borse sono disponibili in quasi tutte le dimensioni, andando da quelle molto sottili e minimaliste fino a quelle che utilizzano l’intero spazio. Ricorda, una bici full-suspension di solito ha uno spazio significativamente inferiore per una borsa da telaio rispetto a una bici da corsa o una Mountain bike senza sospensioni/hardtail.

Borse da manubrio

Anche trasportare oggetti sfruttando il manubrio è una pratica molto comune, soprattutto per le attrezzature da campeggio. Diverse aziende fabbricano borse che si legano al manubrio e sono perfette per trasportare il sacco a pelo o la tenda. Ricorda che se stai pedalando su una bici con drop bar, lo spazio sul manubrio sarà più limitato rispetto a un manubrio piatto per Mountain bike. Inoltre, se non posizionate correttamente, le borse da manubrio di tipo “cilindrico” potrebbero interferire con la leva del cambio/freno su una bici con manubrio di tipo drop-bar.

Possibilità di bagagli aggiuntivi

Il bikepacking consiste nell’utilizzare quanto più spazio possibile sulla bici: è possibile trovare addirittura dei borselli aggiuntivi per l’attacco del manubrio, il tubo superiore e le forcelle, in modo da trasportare piccoli oggetti quali snack o bevande.

Consigli utili

Non ci sono regole rigide da seguire per il bikepacking, ma è bene seguire alcuni consigli per rendere l’esperienza più semplice:

  • Porta meno di quello di cui pensi di aver bisogno, in modo da rendere la bici più leggera e più agile. Questo vale in particolare per l’abbigliamento.
  • Controlla i copertoni e assicurati di avere camere d’aria di scorta e un kit di toppe. Di certo non vuoi ritrovarti a camminare per 25 km nella natura selvaggia o fare l’autostop per arrivare alla città più vicina.
  • Dotati di un dispositivo GPS funzionante, mappe e batterie: perdersi nel bel mezzo del nulla non è divertente. Se utilizzi il cellulare, assicurati di avere una batteria di riserva e la mappa scaricata!
  • Tieni gli oggetti asciutti. Le borse “dry bag” sono economiche e evitano stress in caso di pioggia. Inoltre, bagnarsi significa anche infreddolirsi più velocemente!
  • Pensa attentamente alla scorta d’acqua. Riesci a trasportarne abbastanza sulla tua bici? Stai andando in un posto caldo? Potresti aver bisogno di un sistema di filtrazione dell’acqua portatile o di uno zaino con una sacca idrica per impedirti di rimanere senza acqua. Ricorda, anche la cottura dei cibi può richiedere molta acqua.
  • Usa bene le marce! La guida fuoristrada, in salita e sui terreni più difficili può essere estremamente dura per gambe e ginocchia. Assicurati di avere le marce giuste sulla tua bici!
  • Installa la borsa da sella con oggetti pesanti ben vicino al reggisella, in modo da evitare che la borsa si muova troppo. Pensa attentamente a dove mettere le cose pesanti e ingombranti, come una macchina fotografica o un fornelletto. Tieni le cose più voluminose più vicine al centro di gravità della bici.
  • Se stai portando attrezzi da cucina, opta per quelli realizzati in titanio. Sono più costosi, ma ne vale la pena!
  • L’abbigliamento in lana (Merino) è ottimo per i viaggi in bici. Regola il calore corporeo, previene la formazione di cattivi odori e assorbe bene l’umidità. Inoltre, vestirsi a strati è l’opzione migliore.

Campeggio

Il bikepacking di solito è anche sinonimo di campeggio; di conseguenza, è importante cercare una sistemazione in campeggio adatta alla destinazione, al periodo dell’anno e alle condizioni meteo. Ecco alcune cose che abbiamo imparato nel corso degli anni:

  • Equipaggiati con la migliore tenda possibile. La leggerezza, la qualità dei materiali e la facilità di montaggio sono decisamente requisiti importanti, ma non bisogna supporre automaticamente che una tenda superleggera sia la migliore, in quanto a volte il materiale utilizzato per queste tende non è resistente come quelli utilizzati per i modelli più pesanti.
  • Pensa allo spazio: anche se la utilizzi da solo, una tenda da 2 persone è più grande, e ti permette quindi di dormire più comodamente e di portare alcuni dei tuoi bagagli all’interno della tenda, sia per questioni di sicurezza sia in caso di maltempo. Se invece sei felice di condividere una tenda per 2 persone con il tuo compagno di viaggio, risparmierai sul peso.
  • Più caldo è il sacco a pelo, più è pesante, quindi assicurati di controllare la temperatura consigliata sul sacco a pelo prima di acquistarne uno o di metterlo nel bagaglio. Se le temperature sono calde, è inutile aggiungere peso portando un sacco a pelo troppo caldo.
  • Si consiglia di acquistare il materassino più leggero / migliore / più comodo che ci si può permettere. Questo aiuterà a dormire meglio e ad essere abbastanza riposati per pedalare giorno dopo giorno. In commercio sono disponibili diversi modelli di materassini di qualità anche a prezzi abbordabili.
  • Un accessorio da non trascurare è un cuscino da campeggio gonfiabile. I modelli di qualità sono compatti e pesano molto poco. Avere un buon cuscino dove poggiare la testa può fare la differenza tra una buona e una cattiva notte di sonno.
  • Portare i tappi per le orecchie e una maschera per gli occhi (il tipo che danno gratis sugli aerei) può anche aiutarti a dormire meglio in tenda, specialmente se ci si ritrova in campeggi rumorosi o quando il sole è già alto.
  • Hai davvero bisogno di portare con te gli attrezzi da cucina? Certo, preparare il caffè al mattino nella natura selvaggia è una meravigliosa sensazione, ma le attrezzature da cucina possono essere pesanti. Se si deve fare attenzione al peso, potrebbe essere preferibile comprare cibo nei ristoranti o nei caffè locali. Ovviamente, se la destinazione del viaggio è veramente nel bel mezzo del nulla, ci si dovrà attrezzare con accessori per cucinare.

Il percorso e i primi viaggi

Raccomandiamo di iniziare con dei viaggi più piccoli. Un viaggio di 24 ore con pernottamento è perfetto: è una pratica eccellente per imparare a organizzare la bici, pedalare su una bicicletta carica e perfezionare le abilità di campeggio. Si può anche iniziare con l’esplorare le zone limitrofe, in modo da non essere mai troppo lontani dalla civiltà in caso di problemi.

Quando avrai fatto pratica e sarai pronto, potrai pianificare un viaggio di più giorni. Non bisogna essere super avventurosi, ma è bello sentirsi a proprio agio quando si affrontano viaggi di più giorni. Essere ben preparati permette di potersi spingere più lontano e godere di paesaggi che spesso superano di gran lunga ciò che la tua zona può offrire (a meno che tu non viva al centro di una catena montuosa!).

Iscriviti al nostro corso che si terrà a Milano il 19/20 dicembre 2020: L’Arte di Viaggiare in Bici

Se desideri altre informazioni puoi inviare una e-mail a adriana.pirovano@scuoladimtb.eu oppure telefonare al numero 02/55211039 o inviare un fax al numero 02/55213793. Naturalmente puoi anche venirci a trovare in Sede dal Lunedì al Venerdì dalle ore 9,00 alle ore 18,00 concordando un incontro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media

Altri articoli

Allenarsi a casa… si può!!!

di Konrad Iarussi Chi come noi è abituato a fare sport all’aria aperta fa più fatica degli altri a star fermo e prima dell’estate abbiamo dovuto

Come si usa la chiave dinamometrica

Si tratta di uno strumento fondamentale per avvitare viti, bulloni e altri elementi La chiave dinamometrica è uno strumento che viene usato per il serraggio

Altri articoli

Occhiali da vista e mountain bike

Se usate la mountain bike vi consigliamo vivamente di indossare, oltre al casco che non deve mancare mai, anche degli occhiali, siano essi da sole, fotocromatici

Alla scoperta del 27,5 Plus

Con il termine 27.5+ si va ad indicare un insieme ruota/copertura in cui la ruota ha il formato da 27.5″ e la copertura ha una

Calendario degli appuntamenti 2020

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

Corso Essenziale in meccanica, tecnica e manutenzione
8 Gennaio 2021 – Milano (Sede Accademia)

Corso Base in meccanica, tecnica e manutenzione
9 Gennaio 2021 – Milano (Sede Accademia)

Corso Avanzato in meccanica, tecnica e manutenzione
10 Gennaio 2021 – Milano (Sede Accademia)

One to One – Corso individuale personalizzato
11 Gennaio 2021 – Milano (Sede Accademia)

One to One – Corso individuale personalizzato
13 Gennaio 2021 – Milano (Sede Accademia)

One to One – Corso individuale personalizzato
15 Gennaio 2021 – Milano (Sede Accademia)

Master Workshop sulla costruzione ruote e scelta accessori
16 Gennaio 2021 – Milano (Sede Accademia)

Master Workshop su forcelle, ammortizzatori e reggisella telescopici
17 Gennaio 2021 – Milano (Sede Accademia)

One to One – Corso individuale personalizzato
18 Gennaio 2021 – Milano (Sede Accademia)

One to One – Corso individuale personalizzato
20 Gennaio 2021 – Milano (Sede Accademia)

Corso Essenziale in meccanica, tecnica e manutenzione
22 Gennaio 2021 – Milano (Sede Accademia)

Corso Base in meccanica, tecnica e manutenzione
23 Gennaio 2021 – Milano (Sede Accademia)

Corso Avanzato in meccanica, tecnica e manutenzione
24 Gennaio 2021 – Milano (Sede Accademia)

One to One – Corso individuale personalizzato
25 Gennaio 2021 – Milano (Sede Accademia)

One to One – Corso individuale personalizzato
27 Gennaio 2021 – Milano (Sede Accademia)

One to One – Corso individuale personalizzato
29 Gennaio 2021 – Milano (Sede Accademia)

Master Workshop sulla costruzione ruote e scelta accessori
30 Gennaio 2021 – Milano (Sede Accademia)

Master Workshop su forcelle, ammortizzatori e reggisella telescopici
31 Gennaio 2021 – Milano (Sede Accademia)

One to One – Corso individuale personalizzato
1 Febbraio 2021 – Milano (Sede Accademia)
 
Corso Essenziale in meccanica, tecnica e manutenzione
3 Febbraio 2021 – Milano (Sede Accademia)
 
E-Bike: corso di specializzazione sull’utilizzo e la manutenzione
4 Febbraio 2021 – Milano (Sede Accademia)
 
Fondare e gestire una ciclofficina
5 Febbraio 2021 – Milano (Sede Accademia)
 
One to One – Corso individuale personalizzato
8 Febbraio 2021 – Milano (Sede Accademia)
 
One to One – Corso individuale personalizzato
10 Febbraio 2021 – Milano (Sede Accademia)
 
Master Workshop sulla costruzione ruote e scelta accessori
11 Febbraio 2021 – Milano (Sede Accademia)
 
Master Workshop su forcelle, ammortizzatori e reggisella telescopici
12 Febbraio 2021 – Milano (Sede Accademia)
 
One to One – Corso individuale personalizzato
15 Febbraio 2021 – Milano (Sede Accademia)
 
One to One – Corso individuale personalizzato
17 Febbraio 2021 – Milano (Sede Accademia)
 
Corso Base in meccanica, tecnica e manutenzione
18 Febbraio 2021 – Milano (Sede Accademia)
 
Corso Avanzato in meccanica, tecnica e manutenzione
19 Febbraio 2021 – Milano (Sede Accademia) 
 
One to One – Corso individuale personalizzato
22 Febbraio 2021 – Milano (Sede Accademia)
 
Corso Nazionale per Guide di Mountain Bike
25/28 Febbraio 2021 – Finale Ligure (SV)
One to One – Corso individuale personalizzato
2 Marzo 2021 – Milano (Sede Accademia)
 
Master Workshop sulla costruzione ruote e scelta accessori
8 Marzo 2021 – Milano (Sede Accademia)
 
Master Workshop su forcelle, ammortizzatori e reggisella telescopici
9 Marzo 2021 – Milano (Sede Accademia)
 
Corso Nazionale per Guide di Mountain Bike
11/14 Marzo 2021 – Finale Ligure (SV)
 
Workshop avanzato sulla progettazione e costruzione dei telai
17/19 Marzo 2021- Milano (Sede Accademia)
 
Pedalare bene! Bike Fitting Professionale
20 Marzo 2021 – Milano (Sede Accademia)
 
La nutrizione e l’integrazione nella moderna preparazione sportiva nel ciclismo e nello sport
21 Marzo 2021 – Milano (Sede Accademia)
 
One to One – Corso individuale personalizzato
22 Marzo 2021 – Milano (Sede Accademia)
 
Corso Nazionale per Guide di Mountain Bike
25/28 Marzo 2021 – Finale Ligure (SV)
 
Corso Base in meccanica, tecnica e manutenzione
30 Marzo 2021 – Milano (Sede Accademia)
 
Corso Avanzato in meccanica, tecnica e manutenzione
31 Marzo 2021 – Milano (Sede Accademia)

Corso Nazionale per Guide di Mountain Bike
22/25 Aprile 2021 – Rimini (RN)

Corso Nazionale per Guide di Mountain Bike
27/30 Maggio 2021 – Manerba del Garda (BS)

In allestimento

 

In allestimento

 

In allestimento

 

In allestimento

 

In allestimento

In allestimento

In allestimento