PARTNER UFFICIALE DEL CICLISMO DAL 1996

Le gomme delle Gravel, cosa è importante sapere?

Più ancora che su strada, infatti, nel gravel riding le gomme rivestono un’importanza fondamentale, poiché si tratta di uno dei componenti che è in grado di modificare maggiormente il comportamento del nostro mezzo.

Inoltre, rispetto alla bici da corsa, c’è da districarsi tra una proposta quasi sconfinata, per dimensione, battistrada, sezione e pure diametro della ruota.

E’ necessario prestare la giusta attenzione a questa scelta, perché ogni tipologia di gomma è ottimizzata per usi piuttosto specifici.
Scegliere uno pneumatico non adatto all’utilizzo principale che facciamo della gravel bike rischia di compromettere prestazioni e, soprattutto, divertimento in sella.



TUBELESS O CAMERA D’ARIA?
Se su strada può essere ancora legittimo avere qualche dubbio, nel gravel il tubeless ha una marcia in più. Non ci sono discussioni.

Nei tratti off road la gomma tubeless permette di viaggiare a pressioni inferiori, ottenendo maggiore grip, maggiore comfort, ma anche più tenuta di strada, grazie ad un minore saltellamento della ruota.
Al di là dell’aspetto prestazionale, inoltre, il tubeless permette di ridurre sensibilmente il rischio di forature e di pizzicature.

TIPOLOGIA DI BATTISTRADA
Il gravel riding si presta a molteplici interpretazioni e l’enorme varietà di tipologie di tassellatura rispecchia questa esigenza.
Con le dovute differenze, possiamo individuare tre macro categorie di pneumatici:

1- quelli molto scorrevoli, quasi completamente slick;
2- quelli intermedi, con tasselli piccoli, bassi e ravvicinati tra loro, oppure con zona centrale semi-slick e parte laterale con tassellatura più pronunciata;
3- quelli più aggressivi, con tasselli più pronunciati e distanti tra loro.

La prima tipologia di pneumatico è pensata per chi utilizza la gravel prevalentemente su asfalto e su sterrati scorrevoli. In ogni caso su terreni asciutti.
Una gomma di questo genere è molto scorrevole, ha un’ottima tenuta su asfalto, ma non è adatta a terreni tecnici e, soprattutto, scivolosi e fangosi.

La seconda tipologia, invece, è quella in cui possiamo raggruppare gli pneumatici più versatili, in grado di comportarsi bene su quasi ogni terreno.
Si tratta degli pneumatici che incarnano meglio lo “spirito gravel”, adatti a percorsi in cui si alternano con frequenza tratti di asfalto a tratti di sterrato, anche con fondo piuttosto smosso.

Infatti, la parte centrale del battistrada semi-slick (o comunque con tasselli bassi e ravvicinati) garantisce un’ottima scorrevolezza, mentre i tacchetti più pronunciati nella parte esterna del battistrada conferiscono la giusta tenuta in curva.
Il vero limite di questa famiglia di gomme è rappresentato dai fondi viscidi e fangosi.

Infine, la terza tipologia di gomma, cioè quella con battistrada più aggressivo, è ideale per chi fa un uso della gravel un po’ più spinto, in alcuni casi al limite della mountain bike. 

Garantisce maggiore tenuta, ma sacrifica la scorrevolezza, almeno su fondi ben battuti.
I tasselli più alti e lontani tra loro, infatti, penetrano meglio nel terreno, offrendo maggiore grip e maggiore tenuta in off-road.
Si tratta anche della soluzione ideale per i mesi autunnali e invernali, dove capita con una certa frequenza di affrontare terreni fangosi.

SEZIONE
La sezione de lo pneumatico incide su comfort, tenuta di strada e sicurezza di guida, specie su sterrato.
Le misure più diffuse vanno da 37 a 40 mm, anche perché sono quelle in grado di garantire un compromesso ideale tra vari fattori citati.

A nostro avviso, salvo esigenze particolari, è questa la forbice all’interno della quale mantenersi. In base al percorso, poi, si potrà “giocare” con le pressioni.

Tuttavia, chi percorre molti chilometri su asfalto può optare per una larghezza inferiore, scendendo fino ad un 700×35 o addirittura 700×30-32.
Al contrario, chi fa molto fuoristrada, oppure vuole una gravel iperconfortevole, potrà spingersi anche oltre il 40 (attenzione, però, a verificare che la propria bici sia in grado di ospitarlo).

PRESSIONI DI UTILIZZO
Nel paragrafo precedente abbiamo accennato alle pressioni, ma questo argomento è così complesso che meriterebbe una trattazione a parte.
La cosa importante da ricordare è che non esiste una pressione ideale per tutti: dipende dal tipo di fondo, dal peso del ciclista, dalla marca e dal modello de lo pneumatico.

In linea generale, l’indicazione da ricordare è di non esagerare con la pressione, perché non sempre gonfiare al massimo del range consentito dagli pneumatici significa avere una bici più performante.
Anzi, in off-road una pressione più bassa, oltre che trasmettere maggiore comfort permette di “copiare” meglio le asperità del terreno e, dunque, avere più controllo e trazione.
E’ chiaro che, su asfalto, pressioni molto basse vanno a discapito della scorrevolezza.

GOMME DA 650B
Quasi tutte le bici gravel più recenti sono predisposte per il montaggio di gomme da 650B, ovvero con un diametro inferiore rispetto alle tradizionali ruote da 28” di una bici da corsa.

Semplificando molto, permettono di utilizzare pneumatici più larghi (anche fino a 650×50) e con una spalla più alta, poiché il diametro ridotto permette alla gomma di passare nella zona in cui carro posteriore e forcella sono più larghi.
Con pneumatici di questo tipo si può pedalare a pressioni di esercizio inferiori e, allo stesso tempo, avere un maggiore volume d’aria.

I vantaggi sono un comfort decisamente superiore e una guidabilità sullo sconnesso tecnico che si avvicina molto più alla mountain bike.
Le consigliamo a chi fa percorsi molto accidentati oppure a chi si cimenta in lunghi viaggi e avventure bikepacking, dove il comfort conta più del peso e della scorrevolezza.

scegliere le gomme della gravel

LE MOUSSE
Gli inserti, chiamati più comunemente mousse, sono molto utilizzati nel mondo mountain bike, specie nel segmento Enduro e Trail.
Ma da qualche tempo a questa parte si stanno affacciando anche nel segmento gravel.

In pratica, si tratta di inserti in materiale sintetico che si inseriscono all’interno della gomma tubeless e hanno una duplice funzione.
Da un lato, “sostengono” la gomma e permettono di pedalare a pressioni più basse del solito, garantendo più grip e, allo stesso tempo, proteggendo da possibili pizzicature della gomma o danni al cerchio anche in caso di impatti violenti.
Dall’altro, in caso di foratura, possono permettere di pedalare qualche chilometro in run flat (con gomma a terra), per tornare a casa senza danneggiare il cerchio.

IN CONCLUSIONE

Se utilizzate la gravel per un buon 80% su asfalto, alternando solo brevi sezioni di sterrato ben battuto, il nostro consiglio è di optare per pneumatici semi-slick, con sezione tra 32 e 37 mm.

Se alternate con frequenza asfalto e sterrato, non disdegnando qualche segmento un po’ più sconnesso, la scelta ideale è uno pneumatico intermedio, dalla sezione compresa tra 38 e 40 mm.

Se invece utilizzate la gravel in modo più spinto, anche su fondi viscidi e sconnessi, la scelta dovrà andare su una gomma con tassellatura più pronunciata e sezione non al di sotto dei 40. In questo caso potreste fare un pensiero anche all’uso delle mousse e di un set dir ruote da 650b.

Iscriviti al nostro corso che si terrà a Milano il 19/20 dicembre 2020: L’Arte di Viaggiare in Bici

Se desideri altre informazioni puoi inviare una e-mail a adriana.pirovano@scuoladimtb.eu oppure telefonare al numero 02/55211039 o inviare un fax al numero 02/55213793. Naturalmente puoi anche venirci a trovare in Sede dal Lunedì al Venerdì dalle ore 9,00 alle ore 18,00 concordando un incontro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media

Altri articoli

pike cop

Novità 2020: RockShox Pike Ultimate

L’attuale struttura della RockShox Pike è stata presentata nella primavera del 2017 e ha portato un risparmio di peso di 160 grammi. L’anno successivo l’aggiornamento

Blog Accademia Nazionale di Mountain Bike

Il manubrio della Mountain Bike

IL DIAMETRO Il diametro al centro del manubrio, ovvero dove viene stretto l’attacco manubrio nel 95% dei casi è di 31.8mm. Nelle bici datate, entry

Sospensioni, progressive o lineari?

Cerchiamo di capire quali sono i vantaggi di una sospensione progressiva e quelli di una lineare. Una precisazione è d’obbligo prima di affrontare questo argomento:

Altri articoli

Calendario degli appuntamenti 2020

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

Corso Essenziale in meccanica, tecnica e manutenzione
8 Gennaio 2021 – Milano (Sede Accademia)

Corso Base in meccanica, tecnica e manutenzione
9 Gennaio 2021 – Milano (Sede Accademia)

Corso Avanzato in meccanica, tecnica e manutenzione
10 Gennaio 2021 – Milano (Sede Accademia)

One to One – Corso individuale personalizzato
11 Gennaio 2021 – Milano (Sede Accademia)

One to One – Corso individuale personalizzato
13 Gennaio 2021 – Milano (Sede Accademia)

One to One – Corso individuale personalizzato
15 Gennaio 2021 – Milano (Sede Accademia)

Master Workshop sulla costruzione ruote e scelta accessori
16 Gennaio 2021 – Milano (Sede Accademia)

Master Workshop su forcelle, ammortizzatori e reggisella telescopici
17 Gennaio 2021 – Milano (Sede Accademia)

One to One – Corso individuale personalizzato
18 Gennaio 2021 – Milano (Sede Accademia)

One to One – Corso individuale personalizzato
20 Gennaio 2021 – Milano (Sede Accademia)

Corso Essenziale in meccanica, tecnica e manutenzione
22 Gennaio 2021 – Milano (Sede Accademia)

Corso Base in meccanica, tecnica e manutenzione
23 Gennaio 2021 – Milano (Sede Accademia)

Corso Avanzato in meccanica, tecnica e manutenzione
24 Gennaio 2021 – Milano (Sede Accademia)

One to One – Corso individuale personalizzato
25 Gennaio 2021 – Milano (Sede Accademia)

One to One – Corso individuale personalizzato
27 Gennaio 2021 – Milano (Sede Accademia)

One to One – Corso individuale personalizzato
29 Gennaio 2021 – Milano (Sede Accademia)

Master Workshop sulla costruzione ruote e scelta accessori
30 Gennaio 2021 – Milano (Sede Accademia)

Master Workshop su forcelle, ammortizzatori e reggisella telescopici
31 Gennaio 2021 – Milano (Sede Accademia)

One to One – Corso individuale personalizzato
1 Febbraio 2021 – Milano (Sede Accademia)
 
Corso Essenziale in meccanica, tecnica e manutenzione
3 Febbraio 2021 – Milano (Sede Accademia)
 
E-Bike: corso di specializzazione sull’utilizzo e la manutenzione
4 Febbraio 2021 – Milano (Sede Accademia)
 
Fondare e gestire una ciclofficina
5 Febbraio 2021 – Milano (Sede Accademia)
 
One to One – Corso individuale personalizzato
8 Febbraio 2021 – Milano (Sede Accademia)
 
One to One – Corso individuale personalizzato
10 Febbraio 2021 – Milano (Sede Accademia)
 
Master Workshop sulla costruzione ruote e scelta accessori
11 Febbraio 2021 – Milano (Sede Accademia)
 
Master Workshop su forcelle, ammortizzatori e reggisella telescopici
12 Febbraio 2021 – Milano (Sede Accademia)
 
One to One – Corso individuale personalizzato
15 Febbraio 2021 – Milano (Sede Accademia)
 
One to One – Corso individuale personalizzato
17 Febbraio 2021 – Milano (Sede Accademia)
 
Corso Base in meccanica, tecnica e manutenzione
18 Febbraio 2021 – Milano (Sede Accademia)
 
Corso Avanzato in meccanica, tecnica e manutenzione
19 Febbraio 2021 – Milano (Sede Accademia) 
 
One to One – Corso individuale personalizzato
22 Febbraio 2021 – Milano (Sede Accademia)
 
Corso Nazionale per Guide di Mountain Bike
25/28 Febbraio 2021 – Finale Ligure (SV)
One to One – Corso individuale personalizzato
2 Marzo 2021 – Milano (Sede Accademia)
 
Master Workshop sulla costruzione ruote e scelta accessori
8 Marzo 2021 – Milano (Sede Accademia)
 
Master Workshop su forcelle, ammortizzatori e reggisella telescopici
9 Marzo 2021 – Milano (Sede Accademia)
 
Corso Nazionale per Guide di Mountain Bike
11/14 Marzo 2021 – Finale Ligure (SV)
 
Workshop avanzato sulla progettazione e costruzione dei telai
17/19 Marzo 2021- Milano (Sede Accademia)
 
Pedalare bene! Bike Fitting Professionale
20 Marzo 2021 – Milano (Sede Accademia)
 
La nutrizione e l’integrazione nella moderna preparazione sportiva nel ciclismo e nello sport
21 Marzo 2021 – Milano (Sede Accademia)
 
One to One – Corso individuale personalizzato
22 Marzo 2021 – Milano (Sede Accademia)
 
Corso Nazionale per Guide di Mountain Bike
25/28 Marzo 2021 – Finale Ligure (SV)
 
Corso Base in meccanica, tecnica e manutenzione
30 Marzo 2021 – Milano (Sede Accademia)
 
Corso Avanzato in meccanica, tecnica e manutenzione
31 Marzo 2021 – Milano (Sede Accademia)

Corso Nazionale per Guide di Mountain Bike
22/25 Aprile 2021 – Rimini (RN)

Corso Nazionale per Guide di Mountain Bike
27/30 Maggio 2021 – Manerba del Garda (BS)

In allestimento

 

In allestimento

 

In allestimento

 

In allestimento

 

In allestimento

In allestimento

In allestimento